I vincitori del contest sui dati aperti della Regione Sardegna

Pubblicato il: Giovedì 15 Marzo 2018
Open Data Sardegna logo

La Regione Autonoma della Sardegna ha promosso il Contest Open Data Sardegna, un concorso di idee sul riuso dei propri dati rivolto a cittadini, scuole, università e imprese dell’Unione Europea.

Le Regione è da tempo impegnata in un percorso di valorizzazione del proprio patrimonio informativo attraverso l’esposizione dei propri dati in formato aperto. Il Contest Open Data Sardegna in questo senso rappresenta un ulteriore tassello per promuovere i dati esposti, creare una community di sviluppatori intorno alla piattaforma opendata.regione.sardegna.it e offrire ai cittadini servizi innovativi basati sui dataset resi disponibili.

A decretare i vincitori una giuria composta da esperti di diverse istituzioni - tra cui l’Agenzia per l’Italia digitale e la stessa Regione Sardegna -, mondo accademico, sviluppatori e professionisti del settore IT. La premiazione si svolge il 23 marzo 2018 a Cagliari, in occasione dell’evento conclusivo del Progetto OpenRAS.

 

Concluso a febbraio 2018 il contest vede come vincitori per le prima quattro categorie le seguenti proposte di riuso:

  • Giornalismo basato sui dati, il progetto premiato è il Sardinian Socio-Economic Observatory (SSEO), che racconta gli aspetti della vita sociale ed economica della Sardegna in relazione con il Mediterraneo e il resto del mondo.
  • Visualizzazione di dati, ha vinto il report Sardegna in fiamme, che fa chiarezza su oltre un decennio di incendi avvenuti in Sardegna dando nuovo uso ai dati del Corpo Forestale regionale.
  • Applicazioni, è stata aggiudicata dall’App Orari ARST che aiuta i pendolari a pianificare gli spostamenti con gli autobus in Sardegna.
  • Dati geografici, cinta ad eBiddas, strumento per il supporto alle politiche di recupero e valorizzazione dei Centri Storici, pensato per integrarsi con il processo di redazione dei Piani Particolareggiati.

 

Oltre elle quattro categorie dedicate agli sviluppatori, il Contest Open Data Sardegna ha previsto due categorie dedicate alla scuole e alle università. Nella categoria riservata alla partecipazione delle Scuole gli istituti che sono aggiudicati il premio sono:

  • Il liceo scientifico di Alghero, con il progetto Janna del Mare, che ha monitorato i lavori di completamento e razionalizzazione del porto di Alghero, programmati nel 2015 e mai realizzati, in un’ottica di trasparenza e responsabilità civile.
  • Il liceo classico di Cagliari “Dettori”, con il progetto Culture Academy, che ha visto gli studenti impegnati nella raccolta dei dati e nella realizzazione di oltre 350 interviste finalizzate alla valorizzazione dell’ex museo Archeologico di Cagliari.

 

Mentre, nella categoria riservata alle Università, si sono aggiudicati il premio due progetti di data journalism:

  • Gli studenti del corso di “Comunicazione e Partecipazione Politica” dell’Università di Sassari hanno vinto grazie all’inchiesta ConfiscatiBene sugli immobili della criminalità organizzata confiscati in Sardegna.
  • I giovani universitari de “la Sapienza” – Università di Roma vincono invece con la piattaforma di Data Journalism Sardegna Incompiuta, che attraverso una mappa visuale mostra ai cittadini le opere pubbliche che non sono mai state realizzate o non sono ancora fruibili.

 

Maggiori informazioni su questa iniziativa sono disponibili sul sito di progetto Contest Open Data Sardegna e sul portale Open Data Sardegna