I Report pubblicati dall’European Data Portal

Pubblicato il: Venerdì 09 Febbraio 2018
logo european data portal

Oltre ad avere un ruolo centrale nella raccolta dei metadati relativi ai dati resi disponibili dalle amministrazioni pubbliche di tutta Europa, il Portale europeo dei dati realizza una serie di attività di divulgazione e promozione della cultura dei dati aperti, attraverso la produzione di Report specifici. Si ritiene utile proporre un riepilogo dei principali Report di approfondimento resi disponibili dal Portale europeo dei dati nel corso del 2017 su vari temi e argomenti collegati alla valorizzazione del patrimonio informativo pubblico attraverso le politiche dell’open data:

 

  • The economic benefits of Open Data che analizza gli impatti dei dati aperti sull’economia europea. Il report esamina le analisi condotte fin ora nei vari Paesi europei fornendo una raccolta completa delle varie valutazioni e studi che sono stati fatti negli ultimi anni.

 

  • Open Data maturity in Europe 2017, analisi di riferimento per comprendere lo stato di avanzamento e gli impatti effettivi che le politiche di valorizzazione del patrimonio informativo pubblico stanno avendo sulla società e sull’economia europea, che vede l’Italia posizionata tra i “trendsetter” cioè i Paesi che sono stati in grado di implementare una politica di Open Data avanzata e ben coordinata.

 

  • The future of Open Data Portals, che presenta una analisi dettagliata degli elementi che caratterizzano la sostenibilità delle infrastrutture open data e contiene una serie di raccomandazioni di cui tenere conto per favorire la sostenibilità temporale delle iniziative.

 

  • Open Data in the EU neighbourhood volto ad ampliare la prospettiva EU28 + , dando uno sguardo agli sviluppi dei dati aperti ai confini est e sud dell'Unione europea. Il Report fornisce una valutazione dello stato di avanzamento delle politiche di Open Data nel vicinato dell'UE e mette in luce i risultati raggiunti e il potenziale margine di miglioramento nei paesi.

 

  • Open Data in Cities 2, rapporto analitico che approfondisce le iniziative di valorizzazione del patrimonio informativo attraverso l’open data di otto città europee di medie dimensioni: Dublino, Firenze, Danzica, Gand, Helsinki, Lisbona, Salonicco e Vilnius.

 

  • Barriers in working with Open Data che esplora gli ostacoli che impediscono alla comunità Open Data di sfruttare appieno i vantaggi dei dati esposti dalla pubbliche amministrazioni in formato aperto, analizzando pubblicazioni e interviste rivolte agli utenti dei dati e ai fornitori di dati.

 

  • Recommendations for Open Data Portals: from setup to sustainability che analizza una serie di casi studio di cataloghi europei particolarmente rilevanti per isolare e valutare gli elementi che meglio caratterizzano la loro sostenibilità, valutata secondo cinque aspetti interdipendenti tra loro: i) governance; ii) finanziamento; iii) architettura software; iv) funzionalità; e v) metriche di valutazione.

 

  • Re-using Open Data che esplora le modalità con cui le organizzazioni del settore privato utilizzano i dati aperti e i modelli di business che hanno sviluppato introno ai dati.

 

Il più recente Report realizzato dal Portale europeo dei dati, dal titolo Ensuring the economic sustainability of open data portals: understanding impact end financing mostra come la maturità dei portali - punto di connessione tra i “detentori” e i “riutilizzatori” dei dati - stia aumentando di pari passo allo sviluppo di funzionalità più avanzate. Il Report affronta il tema della sostenibilità economico-finanziaria approfondando cinque aspetti principali del funzionamento di un portale open data: la governance, il finanziamento, l'architettura e le operazioni che rendono sostenibile un portale, nonché le metriche che possono essere utilizzate per monitorare e valutare i progressi. La prima sezione del Rapporto si concentra sulle sfide per misurare le prestazioni dei portali Open Data; gli attuali approcci per misurarne l'impatto, l'uso e l'accesso ai dataset esposti in formato aperto. Mentre la seconda sezione si concentra sugli attuali approcci per finanziare i portali; comprendere i costi dei portali Open Data; e modelli e approcci di finanziamento alternativi.