Online la piattaforma open data del Comune di Bari

Pubblicato il: Giovedì 31 Gennaio 2013

Comune di Bari ha deciso di seguire la strada già tracciata da molte pubbliche amministrazioni italiane, sia centrali che locali, aprendo i propri dati governativi attraverso una piattaforma dedicata (datastore) reperibile all’indirizzo dati.comune.bari.it
 

La pubblicazione del portale è solo il più recente step di un percorso che la Città di Bari ha iniziato con l’approvazione della delibera di indirizzo approvata ad agosto del 2011, la quale prevedeva la “riutilizzabilità di tutte le categorie di dati di titolarità comunale e l'adozione di contratti di licenza d'uso idonei”, e proseguito - nell’aprile dello scorso anno - con l’approvazione delle “Linee guida per la diffusione di dati aperti”, documento operativo  dove veniva tracciato il quado strategico che ha portato alla pubblicazione del portale nei giorni scorsi.
 

Il datastore del Capoluogo pugliese ospita al momento 15 dataset, a cui  - fanno sapere dal Comune  – “si affiancheranno nel tempo tutti gli altri man mano disponibili”, raggruppati in sette differenti aree tematiche: Casa Edilizia Territorio, Cultura e Marketing Territoriale, Dati Geografici, Dati Statistici, Fornitori e professionisti, Mobilità, Organizzazione Uffici Contatti. Al fine di incentivare il riutilizzo del patrimonio informativo esposto tutti i dataset sono rilasciati con licenza Creative Commons CC Zero License (cc-zero).
 

La piattaforma tecnologica scelta dal Comune di Bari è ckan, sistema di gestione dei database aperti in open source sviluppata dall’Open Knowledge Foundation e già adottata da altre municipalità italiane come Bologna e la Provincia di Roma. In particolare il datastore barese supporta anche i dati in formato geospaziale e consente all’utente di visualizzare anteprime, sia in formato tabellare che grafico, dei dataset prima ancora di procedere con il download. Inoltre vengono messe a disposizione sin da subito le API (Application Program Interfacce) per accedere direttamente ai dataset.
 
Fonte Comune di Bari