Le novità e gli aggiornamenti nel cantiere di dati.gov.it

Pubblicato il: Venerdì 29 Luglio 2016

Presto sarà più facile per la amministrazioni pubblicare i propri dati sul portale dati.gov.it: è stata avviata la sperimentazione dell’editor online, attraverso il quale le amministrazioni potranno:

  1. accedere al sito;
  2. registrarsi attraverso un servizio che consente l’accreditamento con il codice IPA dell’amministrazione di appartenenza
  3. inserire i metadati relativi ai propri dataset.

Questa funzionalità è pensata, prioritariamente, per amministrazioni che intendono documentare un numero limitato di dataset. Naturalmente, la struttura dei dati del catalogo è stata allineata allo standard di metadatazione DCAT-AP_IT e, pertanto, i dataset inseriti saranno conformi al nuovo profilo.

Al momento la sperimentazione è rivolta ad un gruppo ristretto di amministrazioni ma è in programma, dopo il periodo estivo, di estendere detta sperimentazione ad altre amministrazioni che dovessero mostrarsi interessate, inviando una apposita comunicazione mediante il form presente sul portale.

Oltre al web editor, le attività di reingegnerizzazione del portale proseguono per implementare tutte le funzionalità e le caratteristiche necessarie al corretto funzionamento del catalogo. Entro i primi di ottobre si prevede di rendere disponibile (in test) la funzione di harvesting che consentirà alle pubbliche amministrazioni di avere una pubblicazione automatica dei propri dati sul catalogo nazionale con aggiornamento periodico, secondo modalità analoghe allo standard del portale europeo dei dati.

Con gli stessi tempi è prevista altresì la definizione del layout di ricerca/visualizzazione dei dati e, successivamente, l’impostazione e il layout del portale, con i relativi contenuti rilevanti.