Dati ‘liberi’ in Liguria

Pubblicato il: Lunedì 29 Ottobre 2012

La Regione Liguria punta sui dati aperti per rendere sempre più trasparente, partecipativo e collaborativo il rapporto tra cittadini e Amministrazione regionale. On line la nuova sezione del sito istituzionale che raccoglie parte del patrimonio informativo dell’Ente rilasciato in formato aperto.
 
Sono oltre 100 i dataset resi disponibili nella nuova sezione, un catalogo caratterizzato da due principali tipi di risorse informative: dati cartografici, documenti. La vocazione social  è rappresentata in particolare dalla possibilità di condividere (attraverso social network), commentare o segnalare applicazioni sviluppate per ognuno dei dataset esposti. Il riuso dei dati diventerà un elemento importante del progetto, infatti, come affermato dalla stessa Amministrazione, nella sezione dedicata ai dati aperti – iniziativa in progress – troveranno spazio non solo nuovi dataset ma anche le applicazioni che verranno sviluppate con i dati ‘liberati’.
 
Le risorse ‘documento’ sono rese disponibili in formato CSV (Comma-separated values) mentre i dati cartografici possono essere scaricati  in formato Shapefile o GML (Geography Markup Language) per alcuni dataset. Le condizioni di rilascio sono quelle definite dalla licenza attribution della famiglia Creative Commons, la CC –by 3.0 (citazione della fonte dei dati come unico vincolo di riutilizzo del dataset).
 
La Liguria è la settima amministrazione regionale a rilasciare il proprio patrimonio informativo (o parte di esso) in formato aperto, questo dato rende evidente il buon livello di penetrazione della cultura del dato aperto in Italia, almeno per quanto riguarda le amministrazioni regionali.
 
Fonte: http://www.regione.liguria.it/opendata.html